Ultimo aggiornamento:

Senza finestra - Joan as a police woman

L'ultima artista di questa settimana è Joan Wasser, più nota come "Joan as a police woman".
Il suo pseudonimo lo deve ad una serie televisiva degli anni 70 con Angie Dickinson: Police woman. Nonostante la laurea in musica classica, Joan sa che quella non è la sua strada: 
"I didn't want to make classical music in my life, the Beethoven symphonies have already been played a million times and I am not going to do it any better."
Per questo inizia a suonare il violino in diverse band punk locali fino ad approdare nei Dambuilders, in cui suona per 7 anni.
 
Ora è una nota cantautrice ma Joan non ha sempre cantato:
"Ero circondata da voci meravigliose, non ne avrei mai avuto il coraggio"
Solo nel 1997 dopo la morte del suo fidanzato, Jeff Buckley,  decide infatti di posare il violino ed avvicinarsi ad un microfono:
"E' stato proprio a causa di quel dolore che ho poi sentito il bisogno di trovare la mia voce, perché il mio violino e la musica che suonavo con gli altri non riuscivano ad esprimerlo". 
Così nel 2006 esce il suo primo album: Real Life.
Joan ha collaborato con moltissimi artisti da Lou Reed ad Elthon John fino agli Afterhours. Quest'anno, in questo periodo così difficile, Joan ha partecipato ad un progetto di Rodrigo D'Erasmo, un altro violinista: "Lost in the desert".
"Lost in the desert" è un collettivo formato da Rodrigo D’Erasmo, Daniele Silvestri, Rancore, Joan as a Police Woman, Mace, Venerus, Enrico Gabrielli, Fabio Rondanini, Antonio Filippelli, Daniele “ilmafio” Tortora, Gabriele Lazzarotti e Alain Johannes.
 
Il 12 Maggio è uscito il brano "Lost in the desert", i cui proventi saranno devoluti al fondo COVID-19 MUSIC RELIEF a sostegno dei lavoratori dello spettacolo. Lo scopo del progetto è dare voce ai più sommersi tra gli invisibili, i più fragili di una categoria compromessa e fortemente a rischio.
"Avete presente quando, alla fine di uno spettacolo, di un concerto, di un’esibizione di qualsiasi genere.. il protagonista principale chiede “un applauso ai tecnici!”, magari aggiungendo qualcosa tipo.. “senza di loro, nulla di questo sarebbe possibile”… avete presente?
Ecco. È vero. È sempre vero." 
Daniele Silvestri

Commenti